building-79221_640La Federazione Bancaria Europea ha offerto un cauto benvenuto all’accordo recentemente raggiunto dagli Stati membri dell’UE in ordine alla direttiva della Commissione Europea contro l’evasione fiscale, affermando che tali norme non prendono in considerazione eventuali ripercussioni sulle banche.

In una dichiarazione rilasciata il 21 giugno del 2016, la Federazione ha detto: “le Banche Europee, che sostengono attivamente le misure internazionali in favore della lotta contro l’evasione fiscale, accolgono largamente le nuove misure dell’UE contro l’evasione fiscale delle imprese su cui ministri delle Finanze hanno raggiunto un accordo lunedì. Il Fondo per le frontiere esterne sostiene pienamente l’attuazione coordinata e coerente dell’Unione europea del piano d’azione dell’OCSE sull’erosione della base imponibile e lo spostamento dei profitti (BEPS), che mira a tassare i profitti aziendali dove viene prodotto il reddito. Tuttavia, la direttiva che i Ministri delle Finanze dell’UE hanno ora concordato, rischia di creare distorsioni in quanto si discosta dalle raccomandazioni BEPS formulate dall’OCSE. “

La Federazione ha aggiunto: “Le banche europee rivestono un ruolo centrale nell’attuazione di norme e misure contro l’evasione fiscale e impediscono la doppia imposizione fiscale. L’EBF è particolarmente preoccupato per il limite di deducibilità degli interessi che i ministri dell’UE hanno adottato prima che l’OCSE abbia pienamente considerato come questa misura dovrebbe essere applicata ai gruppi bancari. La direttiva, inoltre, non prevede meccanismi di risoluzione delle controversie adeguati, i quali sono progettati per evitare conseguenze indesiderate come la doppia imposizione “.

La Federazione ha chiesto un’approfondita valutazione d’impatto delle misure a livello europeo considerando che essi possono avere un notevole impatto sul clima di investimento in Europa.