imagesI membri del Parlamento Europeo hanno approvato un accordo tra l’Unione Europea e la Svizzera che prevede uno scambio automatico di informazioni sui conti finanziari dei soggetti residenti nei rispettivi territori a partire dal 2018.

L’accordo con la Svizzera e’ stato firmato il 27 maggio 2015. In base a quanto previsto dall’accordo, le due parti riceveranno, su base annuale, i nomi, gli indirizzi, i codici fiscali, e la data di nascita dei loro residenti che detengono dei conti, assieme ad ulteriori informazioni finanziarie o relative al saldo dei conti.

L’accordo in questione sostituirà l’accordo tra Unione Europea e Svizzera sulla tassazione del risparmio in vigore dal 2005. Lo stesso prevede la gia’ esistente esenzione dalle ritenute alla fonte per i pagamenti transfrontalieri di dividendi, interessi e royalties tra entità correlate.

I deputati del Parlamento Europeo hanno votato sull’approvazione dell’accordo con 593 voti a favore contro 37 contrari, con 58 astensioni. Il Parlamento Europeo ha affermato che, in base all’accordo, le amministrazioni fiscali dell’Unione Europea e della Svizzera saranno in grado di identificare correttamente i contribuenti interessati, amministrare e far rispettare le loro leggi fiscali anche nel caso di situazioni transfrontaliere ed evitare ulteriori indagini inutili.

Il Parlamento ha detto che l’accordo deve ora essere concluso in tempo per l’entrata in vigore, prevista per il 1 Gennaio 2017.