Il Ministro per l’immigrazione del Governo inglese, Caroline Noakes, ha annunciato alla Home Affairs Select Committee il 20 ottobre che, in caso di mancato accordo sulla Brexit, nuovi controlli di immigrazione, compreso lo status dei datori di lavoro, verranno applicati anche sui cittadini europei già presenti nel Regno Unito a decorrere dal prossimo anno.  In vista di questi possibili cambiamenti ed il notevole impatto sulle procedure amministrative dei datori di lavoro che assumeranno cittadini europei nel Regno Unito, si avvisa che i datori di lavoro dovrebbero controllare il “right to work” dei futuri dipendenti ed assicurarsi di avere i loro dati aggiornati. Questo farà sì che gli individui possano essere facilmente identificabili nel caso in cui maggiori informazioni fossero necessarie per lo staff europeo dopo il 29 marzo 2019.

Di seguito una guida su come controllare il diritto al lavoro dei vostri dipendenti:

  • Fare una copia di un documento che non può essere cambiato, per esempio una fotocopia, che può essere scannerizzata e caricata nel sistema;
  • Per i passaporti, fotocopiare ogni pagina con una stampa, con la foto o date di scadenza;
  • Per i permessi di residenza biometrico e le carte di residenza, fotocopiare tutte e due le pagine;
  • Per tutti gli altri documenti, fotocopiare tutte le pagine;
  • Conservare tutti i documenti del dipendente fino a due anni dopo la cessione del contratto lavorativo;
  • Segnarsi la data in cui il controllo dei documenti è stato effettuato e firmare le copie dei documenti attestando che queste sono le copie dei documenti originali.