Il codice commerciale slovacco è stato recentemente modificato, con nuove misure entrate gradualmente in vigore a novembre 2017 e a gennaio 2018.  L’obbiettivo della modifica è, tra gli altri, quello di fermare alcune pratiche fraudolente relative a liquidazioni, riorganizzazioni e fallimento di attivita’, per aumentare la protezione dei creditori e per inasprire le regole sulla responsabilita’ degli amministratori e degli azionisti. D’altra parte, queste nuove misure possono complicare le fusioni (e riorganizzazioni simili) per le attivita’ in generale,  ed introducono alcune nuove obbligazioni sulle quali gli amministratori e gli azionisti dovrebbero essere informati.

Fusioni

Al fine di completare una fusione, devono essere effettuate le seguenti nuove verifiche il giorno effettivo della fusione (es. la data in cui, ai fini contabili, le attivita’ e le passivita’ della societa’ liquidata si trasferiscono alla societa’ subentrante).

  • Il valore delle passivita’ della societa’ subentrante non deve eccedere il valore delle sue attivita’ (mentre passivita’ subordinate, come ad esempio il finanziamento dei soci, non entra nel calcolo); presumibilmente, questa prova richiederà dichiarazioni aggiuntive da parte di un soggetto indipendente;
  • Le societa’ partecipanti non devono essere soggette a liquidazione, ristrutturazione, fallimento o, procedimento giudiziario, in caso di scioglimento.

In aggiunta, ogni societa’ che e’ stata liquidata deve consegnare un avviso e una bozza di accordo di fusione all’autorita’ fiscale e al creditore pignoratizio, se c’e’ un pegno esistente  sulle azioni della societa’. Questi documenti devono essere consegnati almeno 60 giorni prima dell’assemblea generale nella quale la fusione dovrebbe essere approvata.

Prima che una fusione possa essere registrata nel Registro delle Imprese, un revisore deve preparare un rapporto sulla fusione e sulle sue implicazioni. Il rapporto deve essere allegato alla petizione al Registro delle Imprese. Se la petizione non e’ inviata entro 30 giorni dall’assemblea generale approvante la fusione, il Registro delle Imprese considerera’ la fusione nulla e non procedera’ con la registrazione.

Responsabilita’ degli amministratori

Tutte le responsabilita’ e gli obblighi degli amministratori originariamente previste dal codice commerciale sono adesso estese agli “amministratori di fatto”, e cioe’ quei soggetti che di fatto agiscono come tali senza essere stati formalmente nominati.

Queste persone:

  • devono avere le stesse responsabilita’ degli amministratori; e
  • in caso di violazione delle loro responsabilita’, saranno responsabili verso la societa’ e i suoi creditori nella stessa misura degli amministratori formalmente nominati.

Tutti gli amministratori che sono stati nominati dopo il 1 gennaio 2018 devono fornire al Registro delle Imprese degli esemplari di firme e uno specifico riconoscimento della loro nomina, verificata da un pubblico notaio.

In aggiunta, i doveri dei precedenti amministratori sono ora espressamente estesi per fornire cooperazione ed informazioni  ai tribunali, autorita’ fiscali, l’agenzia delle assicurazioni sociali e ad altre rilevanti autorita’ pubbliche in relazione al periodo durante il quale sono stati amministratori.

Superamento della personalita’ giuridica

Questo e’ un concetto completamente nuovo che non era mai stato formalmente riconosciuto nell’ordinamento slovacco, tuttavia una dottrina ben riconosciuta nel sistema common law. Il superamento della personalita’ giuridica principalmente significa che in alcune circostanze un azionista puo’ essere responsabile per le obbligazioni della societa’.

Nel codice commerciale modificato, questo concetto si applica piuttosto (al momento) in limitate circostanze relative al fallimento. Specificatamente la persona controllante deve essere responsabile verso i creditori della persona controllata per danni causati dal fallimento dalla persona controllante, dimostrando che la persona controllante ha significativamente contribuito al fallimento.

La persona controllante puo’ liberarsi di tale responsabilita’ dimostrando di aver agito con attenzione, in un modo informato e che agiva in favore della persona controllata in buona fede.

Tuttavia, la persona controllante puo’ diventare responsabile ad esempio, se spinge la persona controllata a fornire un prestito a un dubbioso debitore, causando cosi’ il fallimento della persona controllata.

La persona controllante secondo il codice commerciale e’ una persona che detiene la maggioranza dei diritti di voto o, sulla base di un accordo con un’altra persona, puo’ esercitare la maggioranza dei diritti di voto nella persona controllata. Questo concetto non dovrebbe quindi, dal nostro punto di vista, colpire l’azionista finale il quale puo’ detenere a diversi livelli sopra gli azionisti diretti della societa’ slovacca interessata. Tuttavia, dato che questo e’ un nuovo concetto nella legislazione slovacca, l’atteggiamento del tribunale nei confronti della responsabilita’ dell’azionista finale deve ancora essere testata.