Il Partito liberale democratico tedesco ha annunciato la sua intenzione di scendere a compromessi sulla proposta di introdurre tagli fiscali sostanziali per facilitare la strada verso un accordo di coalizione.

Il Partito aveva chiesto un taglio fiscale nell’ordine di 30 miliardi di euro (pari a 34,8 miliardi di dollari), ma sembra ora che tale richiesta sia inaccettabile per l’Unione Cristiano-Democratica tedesca fiscalmente conservatrice guidata dal cancelliere Angela Merkel ed il 7 novembre il partito ha indicato che sta ammorbidendo la sua posizione su tale imposta.

I tagli fiscali saranno previsti nell’accordo di coalizione che è in corso di negoziazione tra  il partito Liberale democratico, l’Unione Cristiano-Democratica ed il partito dei verdi – la cosiddetta coalizione Giamaica.