I membri del Parlamento Europeo hanno respinto di nuovo la lista dei Paesi a rischio di riciclaggio di denaro proposta dalla Commissione in quanto ritenuta “inadeguata”.

Secondo la Direttiva Antiriciclaggio dell’Unione Europea, la Commissione è responsabile per la creazione di una lista di Paesi ritenuti a rischio di riciclaggio di denaro, evasione fiscale e finanziamento del terrorismo. L’elenco include 11 paesi, tra cui l’Afghanistan, l’Iraq, la Bosnia-Erzegovina e la Siria. Nel testo respinto dal Parlamento, la Commissione proponeva di aggiungere l’Etiopia e di rimuovere la Guyana.

Il Parlamento ha affermato che l’Unione Europea dovrebbe disporre di un processo indipendente e autonomo per giudicare se alcuni Paesi costituiscano una minaccia di criminalità finanziaria e non basarsi sulla valutazione di un organismo esterno come il FATF.