Procedura di registrazione

Le entità registrate presso il Registro del Commercio e delle Imprese lussemburghese che rientrano nell’ambito di applicazione della Legge del 15 gennaio 2019 che istituisce un registro lussemburghese dei titolari effettivi (la “Legge REBECO”), devono registrare tutti i dettagli dei loro titolari effettivi (“UBO“) tramite una piattaforma online gestita dal Registro delle Imprese lussemburghese (il” Gestore “) in francese, tedesco o lussemburghese. E’ possibile presentare una richiesta motivata per limitare l’accesso alle informazioni sull’UBO allo stesso tempo o, a determinate condizioni, in una fase successiva.

Documenti da fornire

La documentazione di supporto che deve essere presentata per ogni beneficiario effettivo consiste in una copia della carta d’identità o passaporto nazionale o, nel caso di società quotate in borsa, un documento attestante che i titoli della società in oggetto sono ammessi alla negoziazione in un mercato qualificato e regolamentato.

Le spese amministrative

Gli enti obbligati sono esentati dal pagamento della commissione amministrativa per registrare i propri UBO fino al 1 ° settembre 2019.

Dopo tale data, la registrazione del proprietario effettivo e le eventuali modifiche alle informazioni in archivio saranno soggette ad una commissione.

Accesso alle informazioni

Alcune informazioni sull’UBO sono accessibili al pubblico attraverso il sito Web del Gestore (ad es. Nome, partecipazione azionaria, ecc.).

Le istituzioni finanziarie e di credito, nonché i notai e gli ufficiali giudiziari che agiscono in qualità di dipendenti pubblici possono richiedere l’accesso ad ulteriori informazioni (ad esempio indirizzo, numero di registrazione nazionale, ecc.).

Le autorità nazionali, come l’amministrazione fiscale lussemburghese, l’ufficio del Pubblico Ministero, le autorità doganali, ecc., avranno accesso illimitato alle informazioni correnti e passate sull’ UBO, anche in relazione alle entità liquidate.

Protezione dei dati

Oltre alle preoccupazioni sulla protezione dei dati espresse dal garante europeo della protezione dei dati in relazione alla quarta direttiva AML, l’autorità per la protezione dei dati lussemburghese (CNPD) ha recentemente manifestato preoccupazioni riguardo alla necessità e proporzionalità delle misure introdotte dalla Legge REBECO. Il regolamento REBECO non prevede garanzie specifiche per affrontare tali preoccupazioni. Di conseguenza, la conformità del quadro REBECO alla Legge sulla privacy è discutibile.