Il Ministero del Tesoro Australiano sta adottando delle misure dirette ad aumentare le sanzioni amministrative nei confronti delle multinazionali che non rispettano gli obblighi di disclosure.

Le nuove norme si applicheranno a quelle società con un fatturato globale pari o superiore ad un miliardo di Dollari australiani. A partire dal 1 luglio 2017, le sanzioni relative al mancato deposito dei documenti fiscali all’Australian Taxation Office saranno aumentate. Questo porterà all’aumento della pena massima da 4,500 a 450,000 Dollari australiani.

Nel caso di presentazione all’Australian Taxation Office di dichiarazioni false e fuorvianti le sanzioni verranno raddoppiate.

Secondo quanto riportato dal Ministero del Tesoro australiano, l’obbiettivo è quello di incoraggiare le multinazionali “a rispettare al meglio i loro obblighi fiscali, compresa la presentazione in tempo dei documenti fiscali ed utilizzare maggiore prudenza nell’effettuare le dichiarazioni.”

Le consultazioni si chiuderanno il 13 gennaio.