imagesL’Associazione Nazionale per i Software e le societa’ di servizi (NASSCOM) ha esortato il Ministro delle Finanze indiano ad esonerare le start-up dalle imposte dirette e indirette, tra cui l’imposta alternativa minima.

Tale raccomandazione è stata inclusa nella presentazione del pre-bilancio fatta al Ministero delle Finanze il 6 gennaio 2016.

Nella presentazione della NASSCOM viene anche richiesta l’introduzione di un’esenzione fiscale sulle plusvalenze per i guadagni derivanti da investimenti in start-up, quando i proventi vengono poi reinvestiti in un’altra start-up.

E’ stato richiesto poi al Ministero di armonizzare l’imposta sulle plusvalenze per gli investitori residenti con quella prevista per gli investitori non residenti e le aliquote fiscali per i cosiddetti angel investors.