shanghai-456758__180Il 2 febbraio 2016, la Camera del Commercio Internazionale ha annunciato di aver ricevuto licenza ufficiale all’apertura di un ufficio rappresentativo nella zona franca di Shanghai.

In una dichiarazione ufficiale, l’ICC ha detto che sarà la prima istituzione non asiatica sulle controversie ad avere sede nella Cina continentale.

La licenza prepara la strada alla Corte ICC all’espansione ed incremento del coinvolgimento in Asia a seguito della recente nomina del Direttore regionale per l’Asia del Sud e l’apertura del nuovo ufficio dell’ICC in Hong Kong (nel 2008) e Singapore (nel 2010).

Le nuove statistiche dell’ICC rivelano un incremento di oltre il 12 per cento del numero di soggetti cinesi coinvolti in casi dinanzi l’arbitrato ICC depositati nel 2015, rispetto al 2014.

Il direttore regionale dell’ICC dell’Asia del Nord ha dichiarato che: “Stabilire un ufficio rappresentativo in Shanghai rappresenta un passo importante per la Corte che aiuterà ad espandere la propria copertura geografica e determinerà una spinta alla visibilità e alle relazioni con i potenziali utenti, non solo in Cina, ma in tutto il resto dell’Asia del Nord.

La zona franca di Shangai offre incentivi fiscali per gli investimenti ed il commercio, e nessun dazio doganale e tassazione sull’importazione.