hong kong foto

Il governo ha annunciato che Hong Kong presto comincerà a negoziare accordi di libero scambio (FTA) con la Georgia e Maldive e ha preparato un documento di consultazione in modo che gli interessati possano formulare suggerimenti sugli argomenti da trattare nei due accordi.

“Sia la Georgia che le Maldive sono mercati emergenti con un potenziale in ulteriore crescita. Per Hong Kong negoziare gli accordi di libero scambio con queste due economie ha un valore strategico. Questi accordi, una volta firmati, contribuiranno a espandere la rete dei FTA di Hong Kong nelle rispettive regioni, tra cui l’Eurasia,” ha detto un portavoce del Governo.

“Per ridurre al minimo il rischio di essere emarginati, è importante per Hong Kong prendere parte ai negoziati di libero scambio che coinvolgono i nostri principali partners commerciali. I negoziati di libero scambio della Cina, il nostro principale partner commerciale che rappresenta circa il 50 per cento del nostro commercio totale, sono di particolare importanza per il mantenimento della posizione di Hong Kong come un importante centro logistico e commerciale”, ha aggiunto.

Le disposizioni dei due nuovi accordi di libero scambio, che Hong Kong concludera’ in quanto territorio doganale distinto e firmatario separato, probabilmente prevedrebbero l’eliminazione o la riduzione delle tariffe; la liberalizzazione delle barriere non tariffarie; la liberalizzazione, nonché la promozione e la tutela degli investimenti; e la liberalizzazione degli scambi di servizi.

Fino ad oggi, Hong Kong ha firmato quattro accordi di libero scambio, rispettivamente con il continente, la Nuova Zelanda, gli Stati membri dell’Associazione europea di libero scambio (che comprende Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera), e il Cile. Hong Kong sta attivamente negoziando un accordo di libero scambio con l’Associazione delle Nazioni del Sudest asiatico, un accordo di partenariato economico rafforzato con  Macao e un accordo generale sugli scambi di servizi con l’Organizzazione Mondiale del Commercio.