L’Egitto presenta un sistema consolidato di zone franche, supervisionato principalmente dall’Autorità generale per gli investimenti e le zone franche (GAFI). Le varie zone del paese hanno una vasta gamma di focus settoriali diversi. La Media Public Free Zone, nella periferia del Cairo, ad esempio, ospita compagnie radiotelevisive, mentre la Free Zone Public di Shebin El Kom è per la maggior parte popolata dall’industria della filatura e della tessitura tessile. Altre zone includono quelle di Port Said, Alexandria, Nasr, Suez, Ismailia e Damietta.

Oltre al sistema di zone franche, l’Egitto ha introdotto maggiori opportunità di investimento creando nuove zone economiche speciali ai sensi della Legge sulle zone economiche speciali n. 83 del 2002.

La Legge sulle zone economiche speciali n. 83 del 2002 (“La Legge SEZ”)

La legge SEZ mira a creare zone economiche speciali per fungere da centri di attività internazionali. Mira anche ad utilizzare sia gli investimenti nazionali che quelli stranieri per sviluppare industrie ed esportazioni al fine di guadagnare valuta estera, oltre che a sviluppare nuove industrie ad alta tecnologia. Le zone economiche avranno un impatto sociale positivo generando migliaia di nuove opportunità di lavoro. La legge SEZ prevede una serie di incentivi e garanzie per stimolare gli investimenti e le opportunità di lavoro nel paese. Il seguente diagramma spiega in poche parole i tipi di incentivi e garanzie introdotte dalla Legge:

La legge SEZ si basa sul concetto di uno sportello unico e prevede la creazione di un unico organo di governo (vale a dire l’Autorità della zona economica) che vigila sugli aspetti di investimento all’interno di ciascuna zona. Questo organismo è competente per portare tutti i mandati governativi e rilasciare le licenze richieste. Fornisce sistemi fiscali e doganali semplificati e rimuove le restrizioni sulla proprietà straniera. Inoltre, la Legge stabilisce procedure di licenza efficienti e quadri efficaci per la risoluzione delle controversie.

Fino ad ora, sono state istituite solo due zone economiche speciali ai sensi della Legge SEZ: la Zona Economica Speciale del Canale di Suez (SCZone), istituita nel 2015, e la seconda Zona Economica del Triangolo d’Oro (GTZone), istituita alla fine del 2017.

Le zone economiche speciali

  1. La Zona Economica del Canale di Suez (SCZone) La SCZone è un centro principale di servizi e di commercio che offre opportunità di investimento in vari settori economici tra cui logistica, industria, ICT, energie rinnovabili, parchi industriali e sviluppi immobiliari, nonché sviluppi nei servizi infrastrutturali e nei collegamenti dei trasporti. Le sue industrie di riferimento includono assemblaggio e componenti automobilistici, prodotti chimici e petrolchimici, edilizia e materiali da costruzione, indumenti tessili e pronti all’uso, e settore agro-alimentare e produzione di alimenti.

La SCZone si estende lungo le rive del Canale di Suez, recentemente ampliato, collegando due oceani e due mari. Oltre l’8% del commercio globale passa attraverso il canale ogni anno. La posizione strategica di SCZone sulla principale rotta commerciale tra l’Europa e l’Asia meridionale consente di offrire costi di produzione competitivi e lo rende il programma di accesso al mercato più completo nella regione.

Con una superficie di 461 km2, la SCZone ha quattro zone uniche e sei porte strategicamente posizionate. Le quattro zone sono:

  1. Ain Sokhna, destinata all’industria pesante e alla produzione di energia rinnovabile (essendo vicino alla regione più ventosa d’Egitto);
  2. East Port Said, destinata all’industria leggera e alla logistica;
  3. Qantara West, un’area costiera riservata alla logistica; e
  4. East Ismailia, rivolta alle industrie agro-alimentari, tessili e ICT.

I sei porti sono a est e a ovest di Port Said; Ain Sokhna; Adabiya; Al Tor; e Al Arish. Le espansioni pianificate di questi porti aumenteranno la loro capacità di gestire il traffico marittimo e di offrire servizi correlati come la costruzione navale, il trasferimento, il bunkeraggio, la demolizione di imbarcazioni e il riciclaggio.

Tutti gli investitori della SCZone beneficiano di uno sportello unico per snellire la registrazione, la concessione di licenze e la concessione di permessi nella forma dell’Autorità generale per lo sviluppo economico del Canale di Suez. All’Autorità SCZone è stata data autonomia su tutte le questioni nella zona tranne la sicurezza nazionale. Di conseguenza, gli investitori possono contare su di essa per la concessione di licenze, la riscossione delle imposte e la fornitura di servizi pubblici.

A partire dalla sua creazione, SCZone ha già attratto diversi investitori. Per esempio, la società per azione dell’area di sviluppo economico-tecnico della Cina Tianjin (TEDA), un’entità cinese di proprietà statale, specializzata nello sviluppo di zone libere in Cina, che ha aderito ad un accordo con l’Autorita` SCZone.

 

Fin dalla sua istituzione, la SCZone ha già attratto numerosi investitori. Ad esempio, la società per azione dell’area di sviluppo economico-tecnico della Cina Tianjin (TEDA), un’entità statale cinese specializzata nello sviluppo di zone franche in Cina, ha stipulato un accordo con l’Autorità SCZone. Inoltre, la società cinese Jushi ha firmato un contratto per le espansioni pianificate dalla società nella zona di Ain Sokhna con un investimento di 60 milioni di dollari USA in un’area di 90.000 metri quadrati. Nel gennaio del 2016, 32 società cinesi hanno iniziato a operare nelle SCZone, con un investimento totale di $ 400 milioni. A questo proposito, il Presidente cinese ha annunciato che il Governo cinese investirà fino a $ 2,5 miliardi in 100 società nella SCZone.

Il Governo russo ha anche confermato gli investimenti e ha avviato sviluppi per un totale di 107,8 milioni di dollari distribuiti su 398 aziende nei settori dell’ingegneria, delle macchine, della costruzione navale e del cibo nei pressi di East Port Said.

Durante il World Youth Forum di Sharm El-Sheikh, l’Autorità della SCZone ha firmato sette contratti con diverse compagnie internazionali. Le operazioni comprendono un contratto da $ 3,5 miliardi con un consorzio di società immobiliari per lo sviluppo industriale di 5,5 milioni di metri quadrati di terreno ad Ain Sokhna.

È stato inoltre siglato un accordo per il finanziamento da $ 500 milioni della Sonker Bunkering Company e del terminale per liquidi alla rinfusa di DP World Sokhnadel a Port Ain Sokhna. Il terminale sarà utilizzato per importare e immagazzinare gasolio e gas di petrolio liquefatto nel terzo bacino di Port Ain Sokhna. La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, l’International Finance Corporation e la CIB hanno annunciato nel 2016 che stavano fornendo $ 341 milioni del costo del progetto a Sonker.

Un certo numero di investitori EAU ha anche investito nella SCZone. Nel novembre del 2017, DP World ha concluso un accordo di partnership con l’Autorita` SCZone per sviluppare un progetto industriale e residenziale integrato a Sokhna. L’accordo stabilirà una joint venture tra SCZone (51%) e DP World (49%) con DP World che gestisce la zona; si prevede che ciò inizi nel primo trimestre del 2018.

  1. La Zona Economica Speciale del Triangolo d’Oro (GTZone) Il Triangolo d’oro è la seconda zona economica creata dal governo egiziano dopo la SCZone. Il Decreto presidenziale n. 341/2017 ha istituito la Zona Economica del Triangolo d’Oro nell’Alto Egitto (nella regione Al Qoseer – Safaga – Qena – Qeft) come zona economica di natura speciale. Con una superficie di 2.228.754,25 feddan (oltre 2 milioni di acri), la GTZone dovrebbe portare a notevoli investimenti nell’Alto Egitto, in particolare nei settori delle miniere, dell’industria generale e nel settore del turismo. Secondo i piani annunciati dal governo, il 65% del progetto sarà composto da moderni centri industriali, mentre il 35% sarà residenziale, commerciale e turistico.

La GTZone ha già un’infrastruttura di base che include ferrovie tra Qina e Safaga; tre porti, a Qusayr, Safaga e Al Hamrawen; tre aeroporti, Luxor, Hurghada e Marsa Alam; e numerose strade principali tra cui Safaga-Qina, Qusayr-Koft, Marsa Alam-Edfo e la Red Sea Road. Questi sono previsti per assistere il rapido sviluppo della zona economica. L’area tra Qusayr, Safaga e Qina è piena di ricchezza minerale non sfruttata, tra cui calcare, rocce fosfatiche, sabbia di vetro, rocce di scisto e oro. Sono disponibili città residenziali esistenti per aumentare le capacità lavorative e abitative. L’area può anche essere trasformata in una destinazione turistica, con spiagge a Safaga e Qusayr o nelle aree vicine a Hurghada, El Gouna e Marsa Alam.

Il 16 agosto del 2017, il Primo Ministro ha emanato il Decreto n. 1788 del 2017 che istituisce l’Autorità generale per la GTZone (Autorità GTZone) quale autorità di regolamentazione responsabile della gestione della zona e con sede a Safaga.

Immediatamente dopo la costituzione della GTZone, Safaga ha emesso dei bandi per lo sviluppo di infrastrutture, compresi progetti di desalinizzazione e progetti di generazione di energia finanziati dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) al fine di sviluppare la regione.

Il progetto di dissalazione di Safaga è sotto il programma di Partnership Pubblica Privata sviluppato dal Governo egiziano. Si prevede che il progetto di dissalazione di Safaga avrà un costo di investimento del valore di 450 milioni di EGP. È stato, inoltre, lanciato un altro progetto di desalinizzazione a Hurghada con un costo di investimento stimato di circa 52 milioni di USD.

Il porto minerario di Safaga, che dovrebbe avere una capacità di 60.000 tonnellate, ha lanciato una gara d’appalto per lo sviluppo di un porto industriale incentrato sull’estrazione mineraria. La prima fase del progetto è la costruzione dell’infrastruttura necessaria per espandere il porto e le sue attività. La seconda fase riguarderà l’aspetto operativo del porto. Si stima che il progetto abbia un costo di investimento di 3,8 miliardi di EGP, con la BERS per finanziare la consulenza e la cooperazione finanziaria internazionale (IFC) come consulente per le transazioni.

In conclusione, con tutti questi sviluppi che stanno avendo luogo in Egitto, ci aspettiamo un flusso di investimenti diretti esteri nei prossimi anni al fine di cogliere le opportunità di investimento offerte nei numerosi mega progetti introdotti dal Governo egiziano.