indexIl 22 novembre 2015 a Kuala Lumpur e’ stato firmato un protocollo per la modifica dell’accordo di libero scambio in vigore tra Cina e i 10 Paesi membri dell’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico.

Dopo la cerimonia della firma, il Ministro del commercio cinese Gao Hucheng ha detto che il completamento del protocollo, che modifica diversi articoli presenti nell’accordo originale, compresi quelli relativi agli scambi di beni e servizi e gli investimenti, “riflette la volontà delle due parti di approfondire e ampliare la cooperazione economica e commerciale”.

Secondo quanto evidenziato da Gao, il totale degli scambi tra la Cina e i paesi dell’ASEAN è aumentato da 54.8 miliardi di dollari nel 2002 a 480.4 miliardi di dollari nel 2014.
La Cina è già il più grande partner commerciale dell’ASEAN, rappresentando circa il 14,5% degli scambi commerciali complessivi dell’ASEAN, mentre l’ASEAN è il terzo partner commerciale della Cina. Entrambe le parti dell’accordo intendono portare gli scambi commerciali totali ad un valore di 1 trilione di dollari entro il 2020.

L’accordo di libero scambio tra i Paesi membri dell’ASEAN e la Cina è entrato in vigore nel 2010, e la sua modifica è stata decisa dopo soli quattro cicli di negoziati.

Gao ha anche espresso la speranza che la firma del protocollo possa portare verso l’integrazione economica, e in particolare possa favorire il completamento del progetto di partenariato economico regionale globale, che coinvolge l’ASEAN ed i suoi attuali sei partners dell’accordo di libero scambio e cioe’ Cina, Giappone, Corea del Sud, India, Australia e Nuova Zelanda.