La Legge sull’Antiriciclaggio (AML) del 18 settembre 2017 ha introdotto in Belgio l’obbligo per tutte le società, le organizzazioni non professionali, le fondazioni ed i trustee di identificare e registrare i proprietari effettivi (UBO) ed inserire tali informazioni in un apposito registro. Poiché il quadro normativo relativo al registro dei beneficial owners non era ancora in vigore, le entità che raccoglievano informazioni relative ai proprietari effettivi non erano in grado di registrare tali informazioni esternamente.

Questo assetto normativo è cambiato grazie alla pubblicazione del Royal Decree del 30 luglio 2018 sulle modalità operative del Registro dei beneficiari effettivi. Tale Decreto specifica quali informazioni devono essere inserite nel registro, il processo di registrazione ed accesso allo stesso. Il suddetto Decreto entrerà in vigore il 31 ottobre 2018 e le società belghe hanno tempo fino al 30 novembre 2018 per effettuare la registrazione.

Le modalità operative stabilite dal Decreto confermano che la portata dell’obbligo del Beneficial Owner è molto ampia. Le informazioni che devono essere inserite presso il registro sono ampie, come ad esempio quelle sull’identificazione del beneficiario (ad es. Indirizzo di residenza e il numero ID) e, con riferimento ai proprietari effettivi che detengono proprietà indirette in una società, occorrono informazioni su ciascuna entità intermedia. Le informazioni sul BO registrate devono essere tenute aggiornate dall’entità che ha presentato la richiesta. La mancata osservanza tempestiva di tali obblighi può comportare sanzioni amministrative o penali fino a 50.000 Euro per gli amministratori e gli altri responsabili. Il registro UBO è ampiamente accessibile non solo dalle Autorità competenti o dagli enti che effettuano controlli sull’Antiriciclaggio, ma anche dall’amministrazione fiscale, che può quindi trasmettere informazioni alle amministrazioni fiscali straniere. Alcune informazioni dei proprietari effettivi sono accessibili al pubblico, ad es. il nome del proprietario della società, l’interesse detenuto e, a seconda dei casi, l’intera catena di società intermedie.

È consigliabile che le società inizino a presentare la loro domanda ed assegnino personale a tal fine in modo che possano rispettare la scadenza del 30 novembre 2018.

Per i beneficiari effettivi è utile sapere che riceveranno comunicazione dal registro al momento della registrazione della loro proprietà. Gli UBO possono monitorare e correggere le informazioni registrate a loro nome e possono, in determinate circostanze, richiedere che l’accesso alle informazioni ad essi correlate sia limitato.