Il Capo negoziatore dell’Unione Europea, Michael Barnier, ha affermato che Nessun “grande passo in avanti” è stato fatto al termine del quinto round dei negoziati sulla Brexit e ha affermato che non proporrà al Consiglio europeo di aprire le discussioni sul futuro delle relazioni tra il Regno Unito e l’Unione europea.

Barnier afferma: “Non ci sono ancora sufficienti progressi sulle questioni create dall’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, annunciando di non essere in grado di raccomandare ai Capi di stato e di governo, la settimana prossima, di passare alla seconda fase dei negoziati sul periodo di transizione e le relazioni future, come invece chiede il Premier britannico, Theresa May.

La pensa in modo opposto il Ministro britannico per l’uscita dall’Unione europea, David Davis, che ha parlato di “progressi significativi da giugno”. Se non è possibile” arrivare ad un accordo sulla Brexit, “un governo deve essere pronto a un’alternativa” è pianificare tutti gli scenari”, ha aggiunto Davis.