imagesIl Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha esortato l’Afghanistan ad aumentare le proprie entrate tramite l’introduzione di nuove imposte, rafforzando l’amministrazione delle entrate e migliorando la politica fiscale.

Il FMI ha detto che, nel medio periodo, il paese dovrebbe cercare di introdurre un’imposta sul valore aggiunto, accise aggiuntive e tasse di proprietà, dovrebbe inoltre sviluppare un regime di tassazione delle risorse naturali e migliorare l’applicazione e il rispetto della normativa fiscale.

Secondo un nuovo report del Fondo monetario internazionale, i ricavi del paese hanno raggiunto un picco dell’11 per cento del prodotto interno lordo (PIL) nel 2011 e, successivamente, è sceso al 8,5 per cento del PIL nel 2014.

Cifre significativamente inferiori rispetto alle medie di regioni e paesi a basso reddito.

Il FMI ha detto che l’introduzione di un’imposta sul valore aggiunto e un nuovo regime fiscale per il settore minerario aumenterebbe il rapporto tra gettito fiscale e PIL della nazione al 13 per cento entro il 2020.

Il FMI nel maggio dello scorso anno ha detto che l’introduzione dell’IVA, che ha incontrato ritardi, avrebbe sostanzialmente ampliato la base imponibile.