Skip to main content Skip to search

Archives for Agosto 2018

Regno Unito: nuova Appendice UE

Una nuova Appendice UE è stata aggiunta alle Regole sull’immigrazione per lanciare il nuovo Sistema di regolamenti dell’Unione Europea del Governo. Questo riflette le bozze delle regole discusse nel nostro ultimo aggiornamento.

I dipendenti del NHS, il personale universitario e gli studenti del Nord Ovest dell’Inghilterra parteciperanno ad un progetto pilota privato del nuovo processo applicativo. Circa 4.000 cittadini dell’Unione Europea saranno invitati a presentare domande reali per lo status acquisito attraverso i nuovi processi digitali, parte di un processo gestito dal vivo. Il progetto pilota inizierà il 28 agosto 2018 e consentirà di testare il sistema utilizzando i candidati reali prima del lancio graduale del sistema alla fine di quest’anno. Coloro che attraversano il processo avranno il permesso di rimanere a tempo indeterminato, ammesso che siano eleggibili.

Nel frattempo, il Ministero degli Interni ha lanciato un kit di strumenti per aiutare i datori di lavoro, i gruppi industriali e i gruppi comunitari nel Regno Unito a comunicare al proprio personale il Programma di risoluzione dell’Unione Europea.

Read more

Regno Unito: Sistema sull’immigrazione

Una nuova Appendice UE è stata aggiunta alle Regole sull’immigrazione per lanciare il nuovo Sistema di regolamenti dell’Unione Europea del Governo. Questo riflette le bozze delle regole discusse nel nostro ultimo aggiornamento.

I dipendenti del NHS, il personale universitario e gli studenti del Nord Ovest dell’Inghilterra parteciperanno ad un progetto pilota privato del nuovo processo applicativo. Circa 4.000 cittadini dell’Unione Europea saranno invitati a presentare domande reali per lo status acquisito attraverso i nuovi processi digitali, parte di un processo gestito dal vivo. Il progetto pilota inizierà il 28 agosto 2018 e consentirà di testare il sistema utilizzando i candidati reali prima del lancio graduale del sistema alla fine di quest’anno. Coloro che attraversano il processo avranno il permesso di rimanere a tempo indeterminato, ammesso che siano eleggibili.

Nel frattempo, il Ministero degli Interni ha lanciato un kit di strumenti per aiutare i datori di lavoro, i gruppi industriali e i gruppi comunitari nel Regno Unito a comunicare al proprio personale il Programma di risoluzione dell’Unione Europea.

Read more

Porto Rico: Servizi finanziari

Il 15 agosto del 2018 il dipartimento americano per l’edilizia e lo sviluppo urbano ha emesso una comunicazione contente varie opzioni per mitigare le perdite indirizzata ai mutuatari con mutui ipotecari assicurati da FHA, la cui abitazione e/o il luogo di lavoro si trovano nelle cosiddette aree disastrate di Puerto Rico (Presidentially-Declared Major Disaster Areas – PDMDAs) e delle Isole Vergini americane che sono state ammesse a beneficiare di un’assistenza individuale a seguito dell’uragano Maria, così come deciso dal il Dipartimento americano per la sicurezza interna (FEMA – Department of Homeland Security’s Federal Emergency Management Agency).

Infatti, soprattutto in seguito alla devastazione dell’uragano, la morosità dei mutui rimane elevata.

Pertanto, sono state modificate alcune opzioni finalizzate ad assistere i mutuatari fornendo loro alternative adeguate a far fronte alle perdite derivanti dalla catastrofe.

I mutuatari hanno la possibilità di dare attuazione alla procedura di Loss Mitigation da subito, ma non oltre il 15 settembre del 2018.

La tendenza del sistema giudiziario di Puerto Rico è stata quella di rinviare le parti al Centro di Mediazione, in conformità a quanto disposto dalla legge 184 del 2012.

Presso il Centro di mediazione i creditori ipotecari hanno la possibilità di comunicare con i mutuatari con riferimento ai programmi disponibili.

Read more

Puerto Rico: Servizi finanziari

Il 15 agosto del 2018 il dipartimento americano per l’edilizia e lo sviluppo urbano ha emesso una comunicazione contente varie opzioni per mitigare le perdite indirizzata ai mutuatari con mutui ipotecari assicurati da FHA, la cui abitazione e/o il luogo di lavoro si trovano nelle cosiddette aree disastrate di Puerto Rico (Presidentially-Declared Major Disaster Areas – PDMDAs) e delle Isole Vergini americane che sono state ammesse a beneficiare di un’assistenza individuale a seguito dell’uragano Maria, così come deciso dal il Dipartimento americano per la sicurezza interna (FEMA – Department of Homeland Security’s Federal Emergency Management Agency).

Infatti, soprattutto in seguito alla devastazione dell’uragano, la morosità dei mutui rimane elevata.

Pertanto, sono state modificate alcune opzioni finalizzate ad assistere i mutuatari fornendo loro alternative adeguate a far fronte alle perdite derivanti dalla catastrofe.

I mutuatari hanno la possibilità di dare attuazione alla procedura di Loss Mitigation da subito, ma non oltre il 15 settembre del 2018.

La tendenza del sistema giudiziario di Puerto Rico è stata quella di rinviare le parti al Centro di Mediazione, in conformità a quanto disposto dalla legge 184 del 2012.

Presso il Centro di mediazione i creditori ipotecari hanno la possibilità di comunicare con i mutuatari con riferimento ai programmi disponibili.

Read more

Singapore e BVI: i Tribunali cooperano contro le frodi transfrontaliere

Il 1° giugno 2018 la Corte d’Appello di Singapore ha deciso di tornare ad applicare ed estendere un’ingiunzione di Mareva nei confronti di imputati per frode, rifacendosi ad una precedente sentenza del Tribunale commerciale delle British Virgin Islands in procedimenti correlati.

JTrust sosteneva che gli imputati avevano falsificato la performance dell’entità in cui stava investendo ed aveva cospirato per appropriare in modo indebito quegli investimenti facendo prestiti fittizi a mutuatari fraudolenti.

Due giorni prima che l’ingiunzione ex parte è stata ottenuta a Singapore, il Tribunale Commerciale delle BVI ha concesso un procedimento di congelamento a livello mondiale contro uno degli imputati e la sua società nelle BVI. Gli imputati hanno anche cercato di impugnare la sentenza, ma il Tribunale delle BVI ha rigettato il ricorso, ritenendo che sarebbe “straordinario” non continuare in tali circostanze.

In una decisione che richiamava le sentenze del Tribunale Commerciale delle BVI, la Corte d’Appello di Singapore ripristinò l’ingiunzione di Mareva e la estese in tutto il mondo contro due degli imputati.

La decisione dimostra l’importanza della coerenza tra i Tribunali in più giurisdizioni in complessi casi transfrontalieri. Le Linee guida sulla rete di insolvenza giudiziaria, che (sebbene non utilizzate in questo caso) sono state adottate a Singapore e nelle Isole Vergini britanniche, possono essere estremamente vantaggiose (per ulteriori dettagli si rimanda a “Linee guida adottate per comunicazione e cooperazione tra i partner”). Gli orientamenti agiscono come un quadro che definisce le migliori pratiche per facilitare la cooperazione e la comunicazione tra i Tribunali.

Read more

Regno Unito: White Paper e partnership con l’Unione europea

Il Governo ha recentemente pubblicato un White Paper che descrive ciò che sta cercando di ottenere nel negoziare l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea e la nuova partnership con quest’ultima. Il documento di 100 pagine contiene solo riferimenti limitati al futuro dell’immigrazione dall’Unione Europea.

Il White Paper afferma che il Regno Unito porrà fine alla libera circolazione delle persone ma stabilisce che i cittadini europei potranno entrare nel Regno Unito senza visto.

Il Governo rilascerà ulteriori dettagli sul futuro sistema dell’immigrazione del Regno Unito a tempo debito, sotto forma di un White Paper separato ed una proposta di Legge sull’immigrazione.

Nel frattempo, l’Home Secretary ha recentemente suggerito che potrebbe essere adottato un sistema simile tra l’Unione Europea ed il Canada per quanto riguarda la mobilità della forza lavoro.

Read more

Isole Vergini: I Trust e l’informativa

Una recente decisione delle Isole Vergini Britanniche sottolinea l’importanza per i trustee di riflettere attentamente prima di divulgare informazioni richieste dai beneficiari.

Nella decisione “Re the Tchenguiz Family Trust “(BVIHCM 2017/00026) ad un trustee svizzero di un trust delle Isole Vergini era stato ordinato dalla Corte Commerciale delle Isole Vergini di fornire informazioni ad un beneficiario discrezionale in relazione a delle richieste avanzate dal trustee in varie liquidazioni. Il trustee si era rifiutato, in parte sulla base del fatto che il beneficiario può usare le informazioni per scopi collaterali, i quali causerebbero un danno al trust.

La Corte ha dichiarato che:

Nella misura in cui è necessario ponderare lo scopo del beneficiario contro qualsiasi potenziale danno per il trust la decisione cade decisamente a favore della divulgazione. Il beneficiario ha uno scopo reale nel vedere i documenti, mentre il trustee non ha mostrato alcuna reale prospettiva di danno.

Un altro aspetto della decisione era che il trustee aveva insistito sul fatto che la richiesta era stata notificata al di fuori della giurisdizione, attraverso i Hague Convention channels, provocando notevoli ritardi. Il giudice fu critico su tale approccio; il trustee di un trust delle Isole Vergini é soggetto alla supervisione giurisdizionale delle Corti delle Isole Vergini e: 

ritardare o consentire di ritardare la determinazione tempestiva da parte della Corte su questioni relative alla condotta dei trustee, è argomento di preoccupazione per la Corte e di legittima preoccupazione del beneficiario che cerca di tenere conto del trustee.

I trustee dovrebbero riflettere attentamente e, se in dubbio, chiedere consiglio prima di rifiutarsi di fornire informazioni al beneficiario. Le conseguenze di agire nel modo sbagliato possono essere gravi. Dalla prospettiva del beneficiario, la porta dell’informativa potrebbe essere stata aperta in modo leggermente più ampio, pertanto la decisione è più che ben apprezzata da questo punto di vista.

Read more