Skip to main content Skip to search

Archives for Maggio 2016

Nigeria: Indagine sulle agevolazioni fiscali concesse agli investitori

foto Nigeria

La Camera dei Rappresentanti della Nigeria ha nominato le Commissioni sui Conti Pubblici e sulle Finanze per rivedere gli incentivi fiscali della nazione che costano al paese NGN571bn (USD2.9bn) ogni anno.

Kehinde Odeneye, che ha sponsorizzato la mozione che è stata accolta dalla Camera, ha sottolineato che, sebbene la maggior parte delle agevolazioni fiscali siano state inizialmente concesse per aumentare il capitale e promuovere lo sviluppo economico e l’occupazione, vi è “poca evidenza che gli incentivi fiscali abbiano realmente portato a degli investimenti.”

Le Commissioni avranno quindi il compito di esaminare se i singoli incentivi fiscali hanno raggiunto, o stanno ancora raggiungendo, il loro obiettivo, ossia aumentare gli investimenti produttivi in Nigeria. Consigliano dunque l’eliminazione di quelli non produttivi e garantisco che i rimanenti siano correttamente indirizzati verso obiettivi economici specifici.

Read more

UE: Giappone dichiarazione congiunta sulla zona di libero scambio

shinto-154572__180I leader del Giappone, dell’Unione europea (UE), Francia, Germania, Italia e il Regno Unito hanno riaffermato il loro impegno a raggiungere un accordo di principio su un accordo di libero scambio UE-Giappone (FTA) “il più presto possibile nel 2016. “

L’impegno è stato annunciato in una dichiarazione congiunta, rilasciata a margine del vertice del G7 in Giappone. I leader hanno detto di aver incaricato i rispettivi negoziatori per accelerare i negoziati, iniziati nel marzo 2013.

Con il nostro pieno appoggio, i negoziatori sono incaricati a compiere gli sforzi necessari nei prossimi mesi ad andare avanti con i negoziati, aprendo la strada per il raggiungimento di un accordo che comprenda tutte le questioni chiave, tra cui tutti i tipi di misure tariffarie e non, in linea col calendario concordato“, dice la nota.

La dichiarazione ha aggiunto che i negoziati sarebbero svolti “in modo costruttivo, basato sulla fiducia reciproca“, con l’obiettivo di raggiungere “un alto livello globale, un accordo equilibrato, che rafforza ulteriormente gli accordi economici e di partenariato.”

Read more

Cina e Nuova Zelanda aggiornano gli accordi ALS

lotus-978659__180Durante il loro incontro a Pechino il 18 aprile, il Premier cinese Li Keqiang ed il Primo Ministro della Nuova Zelanda, John Key, si sono impegnati a riaprire i colloqui in merito ad un aggiornamento sull’accordo di libero scambio (ALS).

Firmato nel 2008, “l’Accordo di libero scambio è stato un vero successo per entrambi i nostri paesi“, ha dichiarato Key. “La Cina è ora il nostro secondo partner commerciale, con scambi a due vie più che raddoppiato da quando l’accordo è entrato in vigore.”

Il Premier Li ed io abbiamo discusso la nostra intenzione di aggiornare l’ALS, per riflettere la crescita degli scambi commerciali tra i nostri paesi e per assicurare che il rapporto continui.”, ha aggiunto.

E ‘stato riportato che la Nuova Zelanda è preoccupata per l’effetto sulle industrie lattiero-casearie e della carne nella zona di libero scambio tra l’Australia e la Cina, che è stata attuata da dicembre dello scorso anno. Questo nuovo accordo prevede migliori condizioni di esportazione per i venditori australiani rispetto a quelle secondo il vecchio accordo tra la Cina e la Nuova Zelanda. Si spera che un aggiornamento possa ripristinare la competitività dei produttori neozelandesi in quei settori.

Read more

Corea del Sud – Israele: accordi libero scambio

Seul myeongdong-326136__180La Corea del Sud e Israele hanno deciso di dare inizio immediato alla trattativa sull’accordo bilaterale di libero scambio (ALS), secondo l’annuncio del Ministro del Commercio, dell’Industria e dell’Energia della Corea del Sud.

Uno studio di fattibilità congiunto sull’accordo di libero scambio è stato completato nell’agosto 2010, ma la decisione di dare inizio ai negoziati è stata rimandata.

Il Ministero ha rivelato che il vice Ministro del Commercio della Corea del Sud, Woo Tae-hee, e il Direttore Generale del Ministero dell’Economia, Amit Lang, hanno convenuto di dare inizio ai negozia sull’ALS nel corso dell’incontro tenutosi a Gerusalemme il 23 maggio. Il primo ciclo di negoziati si terra a Seul il 27 giugno.

Con l’accordo di libero scambio si prevede di aumentare l’attuale basso livello di commercio tra i due paesi. Entrambe le parti hanno indicato la loro volontà di concludere un accordo globale, avvalendosi delle loro esperienze nel negoziare accordi di libero scambio con altre giurisdizioni. Si ritiene che la cooperazione può essere sviluppata, in particolare nella tecnologia start-up, industria high-tech, agricoltura e alimentari.

Read more

Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico e EAEU: accordo di libero scambio

RU cathedral-219825__180A seguito di un incontro con la Russia a Sochi il 19-20 maggio, gli stati membri dell’Association of Southeast Asian Nations (ASEAN) hanno deciso di guardare ad un accordo di libero scambio con la Russian-led Eurasian Economic Union (EAEU).

Nella loro dichiarazione dopo la riunione, è stato osservato che l’ASEAN e la Russia avevano accettato di migliorare la “cooperazione economica regionale volta a promuovere il commercio e gli investimenti,” e di “sforzarsi di aumentare notevolmente il volume degli scambi” tra di loro.

La dichiarazione ha detto: “La Russia ha presentato la proposta di avviare uno studio di fattibilità congiunto di una zona di libero scambio globale tra l’ASEAN e l’EAEU. L’ASEAN prenderà in considerazione questa iniziativa“.

L’EAEU comprende Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Russia.

Read more

Indonesia: informa i contribuenti sul condono fiscale

indonesia buildings-203194__180Il Governo dell’Indonesia sta cercando di sottolineare la differenza tra la violazione delle imposte internazionali e non internazionali, favorendo i contribuenti ad avvalersi del condono fiscale proposto.

Il 19 maggio a Jakarta alla riunione tra il Ministro delle Finanze ed i membri del Forum degli Economisti, Brodjonegoro ha chiesto il sostegno ad informare i membri del pubblico circa la differenza tra evasione fiscale e violazione di leggi fiscali, sottolineando che quest’ultima normalmente riguarda errori fatti al momento della dichiarazione dei redditi. Ha aggiunto che il programma di condono fiscale aiuterà piccoli e grandi contribuenti a correggere tali errori.

 Il Ministro ha dichiarato: “Mi auguro che gli economisti inizino a parlare alla gente del condono fiscale e dei suoi benefici”.

Nel mese di novembre 2015, è stato confermato che l’Indonesia offrirà l’amnistia quest’anno, per incoraggiare i contribuenti a regolarizzare i loro affari fiscali.

Secondo il Ministro, il condono fiscale è diretto ad incoraggiare le entrate fiscali e l’espansione della base contribuente. All’inizio di aprile 2016, ha sottolineato che la tutela della riservatezza delle informazioni dei contribuenti è la priorità assoluta e sarà un fattore importante nel successo del programma di condono.

Read more

OCSE : La Corea del Sud ha necessità di aumentare le tasse per finanziare il Welfare

foto sud Corea

La Corea del Sud dovrebbe sostenere la propria economia con incentivi fiscali e sviluppare un piano fiscale di spesa annuale a lungo termine per garantire che le finanze pubbliche siano sostenibili, dice l’OCSE.

La Corea del Sud ha già attuato misure fiscali per sostenere i tassi di crescita, ma si prevede che queste misure possano sostenere un tasso di crescita di appena il 2,7 per cento del PIL nel 2016 e del tre per cento nel 2017.

Queste misure includono un credito d’imposta del 10 per cento per le imprese che hanno previsto un aumento salariale superiore alla media per i dipendenti, e un taglio del tasso d’imposta sui dividendi dal 14 % al 9 %. La nazione ha anche cercato di penalizzare quelle società che non riescono a investire giacenze monetarie consistenti.

Secondo l’OCSE, ci sarà una crescente pressione sulle risorse fiscali della Corea del Sud nel corso dei prossimi anni a causa di impegni in materia di welfare e previdenza. L’OCSE afferma che, sebbene la base imponibile del paese potrebbe essere ampliata “tagliando le esenzioni, saranno anche necessarie aliquote più elevate, concentrandosi sulle tasse con un impatto meno negativo sulla crescita economica, come l’imposta sul valore aggiunto (IVA) e le imposte ambientali, garantendo nel contempo che la pressione fiscale sia abbastanza suddivisa tra la popolazione”.

“Il gettito fiscale e’ ancora ben al di sotto della media OCSE,” ha confermato, aggiungendo che “l’aliquota IVA del 10 per cento è solo circa la metà della media OCSE”.

Read more

Germania: aumentati gli incentivi fiscali per le auto elettriche

eco-friendly-149801_640Il 18 maggio il Consiglio dei Ministri tedesco ha approvato un disegno di legge per migliorare gli incentivi fiscali previsti per l’acquisto di veicoli elettrici.

Le misure previste estendono l’esenzione dall’imposta di circolazione attualmente prevista per 5 anni a favore dei veicoli elettrici a dieci anni. La legge verra’ applicata retroattivamente a partire dal 1 gennaio 2016.

Le nuove misure seguono l’annuncio del mese scorso quando era stato comunicato che gli acquirenti di veicoli elettrici e ibridi avrebbero ricevuto una sovvenzione pari a EUR4,000 (USD4,500) e EUR3,000 rispettivamente, per l’acquisto di tali veicoli. Il costo di queste sovvenzioni, per un totale di 1 miliardo di Euro in totale, viene suddiviso equamente tra il Governo e l’industria automobilistica.

Il Governo sta anche investendo nelle infrastrutture necessarie per raggiungere l’obiettivo di fare circolare 1 milione di veicoli elettrici sulle strade entro il 2020, e sta spendendo circa 300 milioni nella costruzione di 15.000 nuove stazioni di ricarica.

Read more

Commissione europea invita ad ampliare la base imponibile irlandese

eu flag-1198978__180La Commissione europea ha dichiarato che il governo irlandese dovrebbe compiere ulteriori progressi “per rendere il sistema fiscale più efficiente e favorevole alla crescita.”

Nelle sue raccomandazioni, pubblicate il 18 maggio, la Commissione ha sostenuto che gli sforzi per ampliare la base imponibile “sono stati limitati“, ed ha sottolineato che “le misure fiscali recenti si sono concentrate sui tagli e sgravi fiscali“.

La Commissione ha raccomandato che il governo dovrebbe intervenire nel 2016 e 2017 per ridurre la vulnerabilità del paese alle fluttuazioni economiche ed agli shock espandendo i flussi di entrate. Si osserva che vi è la possibilità di fare questo, aumentando le imposte meno distorsive.

Read more

Messico: negoziati con l’EFTA per estendere l’accordo di libero scambio

architecture-1226293_640Tra il 10 e il 13 maggio, il Messico e le delegazioni degli stati facenti parte dell’Associazione Europea di Libero Scambio (EFTA)  si sono incontrati per un primo round di negoziati finalizzati ad una revisione globale dell’ accordo di libero scambio attualmente in vigore.

L’Associazione Europea di Libero Scambio è costituita da Svizzera, Islanda, Norvegia e Liechtenstein. Attualmente, ai sensi della disciplina prevista dall’accordo di libero scambio in vigore, gli scambi di merci tra le due parti dell’accordo hanno raggiunto un valore pari a 3,6 miliardi di dollari Usa nel 2015.

Le principali merci oggetto di esportazione dagli Stati membri dell’EFTA in Messico comprendono i prodotti farmaceutici, i macchinari e gli apparecchi meccanici, orologi e prodotti chimici organici.

Le importazioni di prodotti provenienti dal Messico sono invece costituite principalmente da metalli preziosi, prodotti farmaceutici, combustibili minerali e petrolio.

Ad inzio autunno 2016 e’ previsto un secondo round di negoziati.

Read more